Vai al contenuto

Aree di accoglienza e di ammassamento

Sono le aree in cui verrà sistemata la popolazione costretta ad abbandonare la propria casa, per periodi più o meno lunghi a seconda del tipo di emergenza.

L’individuazione di queste aree è stata effettuata a cura dell’U.C.P.C. con l’ausilio del locale Ufficio Tecnico, in modo da ottenere una loro distribuzione capillare sul territorio.

STRUTTURE ESISTENTI

Le aree di accoglienza o ricovero, sono state individuate nei seguenti siti e scuole. Le aree ed i relativi fabbricati, sulla cartografia di base sono state evidenziate con un retinato di colore rosso, e sono:

  • Villa Comunale “Pinocchio” in Via Giovanni XXIII;
  • Area di parcheggio “Sant'Oronzo” in Via F. D’Assisi previo sopralluogo in caso di alluvione;
  • Campo Sportivo Comunale Madonna D’Altomare previo sopralluogo in caso di alluvione;
  • Calcetto A/5 in Via V.C. Basile;
  • Scuola Elementare “S.G. Bosco” in Viale Rimembranze;
  • Scuola Elementare “Rodari” in Via Vivarini;
  • Scuola Media “N. De Donato” in Via P. Sarnelli;
  • Scuola Alberghiera in Via L. Sturzo;
  • Area Polivalente Comunale in Via Conversano;
  • Area Mercato Ortofrutticolo sulla S.P. 121;
  • Terreno C.da Fratta, Foglio 16, Particella 301.

Le strutture individuate, in base alle loro caratteristiche risultano predisposte a ricevere quanto previsto in caso di emergenza.

In caso di permanenza prolungata al di fuori delle proprie abitazioni sarà necessario prevedere delle soluzioni alternative, quali l’affitto o l’assegnazione di altre abitazioni, oppure la costruzione di emergenza. Tali strutture alternative si suddividono come segue:

  • TENDOPOLI. Si può affermare che per tempi di permanenza compresi tra qualche giorno e qualche settimana la soluzione-tendopoli sia quella più semplicemente perseguibile. Una volta individuata l’area idonea a realizzare la tendopoli, l’Ufficio Tecnico dovrà provvedere a realizzare gli impianti di base necessari (fognatura, rete elettrica, rete idrica). I  campi sportivi sono stati prescelti in quanto caratterizzati da:
    • dimensioni sufficienti e standardizzate;
    • opere di drenaggio;
    • collegamenti con le reti idrica, elettrica e fognaria;
    • vie di accesso solitamente comode;
    • presenza di aree adiacenti (parcheggi) per un’eventuale espansione del campo.
  • INSEDIAMENTI ABITATIVI  DI  EMERGENZA. Nel caso in cui si debba pianificare la possibilità di una permanenza fuori dalle abitazioni per un periodo molto lungo, dovrà essere prevista la realizzazione di un campo-container.

Torna a Aree di emergenza

Accessibility